Daily Archives: November 14, 2011

All About Jazz Italy review by Alberto Bazzurro

EMJO – Live in Coimbra (CF 228)
Valutazione: 4 stelle
Fa piacere notare come in giro per il mondo stiano emergendo diverse realtà orchestrali capaci di dire la loro fuori da cliché anche in quest’ambito spesso sovrabbondanti. Oggi tocca all’EMJO (European Movement Jazz Orchestra), organico cosmopolita (tedesco-sloveno-portoghese) sorto nel 2007 su basi di fatto istituzionali (le ambasciate dei tre Paesi) e forte di venti unità, di età media attorno ai trent’anni (ma la pianista Kaja Draksler è addirittura dell’87).
L’album in oggetto, inciso nel giugno 2010, presenta sei ampi brani (dieci minuti ciascuno, poco più o poco meno) quasi tutti dovuti a membri dell’orchestra. Solo il primo, il tripartito “Waves,” è infatti a firma di un esterno, il giovane pianista tedesco Jürgen Friedrich, e dà immediatamente la misura della coesione interna all’ensemble, giustapponendo massicci collettivi al solo centrale del trombonista Jörn Marcussen-Wulff. Un altro trombone, Lars Arens, contrassegna il brano che segue, “O.M.” del sassofonista Jure Pukl, aperto in piano solo e per il resto illuminato dal sax tenore di Philip Gropper, sempre nel segno di dinamiche vive, palpabili, felice costante dell’intero lavoro.

Un altro leitmotiv dell’incisione, come si sarà intuito, è il fatto che i vari episodi ruotino tutti attorno a pochi solisti (mai più di tre), tali da caratterizzarli con nettezza (che sia una pratica propria, per esempio, del primo Mathias Rüegg e di Maria Schneider vorrà pur dire qualcosa). E’ quanto avviene, ancora, in “E.S.T.” (dedica al compianto Esbjörn Svensson?), firmato dal trombonista Paulo Perfeito e illustrato dal sax alto di Uwe Steinmetz, attorno a cui si sviluppa anche il segmento più stimolante del successivo “Köln Kuddelmuddel,” aperto solisticamente dall’autore, il trombettista Matthias Schrieflper, e, a seguire, dalla batteria (un po’ ridondante, invero).

Se quest’ultima coppia di brani fa registrare una sia pur lieve flessione rispetto ai primi due, risultando un po’ più schematica, prevedibile (e comunque sempre di sicuro pregio), “Impresija,” della citata pianista Kaja Draksler, si segnala ancora per l’estrema sapienza architettonica, col flicorno di Susana Santos Silva e il sax soprano di Pukl (anche in solitudine) a illuminarlo sul versante improvvisativo. Chiude l’altrettanto felice “The Shagg’s Principle” del bassista Robert Jukic, col piano al centro delle operazioni in avvio, a sua volta molto originale come disegno, con la chitarra di Jani Mode che ne raccoglie il testimone, interfacciandosi con le interpunzioni dell’intera massa orchestrale.

Disco, come si sarà capito, del tutto consigliabile.
http://italia.allaboutjazz.com/php/article.php?id=7144

Advertisements

Touching Extremes review by Massimo Ricci

JASON ROBINSON / ANTHONY DAVIS – Cerulean Landscape (CF 198)
Poor “official” jazz reviewers, at least the really skilled ones, belong to a category that I sincerely admire. Writing on jazz and related topics without recurring to stereotypes is hard, unless the customary “let’s rehash the career” approach is introduced, the writeup typically finished by a couple of lines lyophilizing the disc’s content after entire paragraphs devoted to historic comparisons, previous landmarks and – when courage abounds – laughable (for lack of serious playing experience) descriptions of the instrumental action. Accordingly, Cerulean Landscape – the latest outing by reedist Robinson (three saxes and flute) and pianist Davis – is an album for which a plethora of words for a detailed description can’t be found, but there’s no problem in calling it simply beautiful. Its general aspect may evoke decrepit adjectives such as “lyrical” and “pensive”, yet the overall sense of harmonic respite and the lingering scents of meditative gradualness are often replaced by sections where complicated intertwinings of angular conjectures and swirling symmetries strike the attention rather significantly. The artists declare Duke Ellington as an essential influence on their current and earlier work, but somehow this ignorant reporter paralleled the melancholy and the somber moods of certain Davis suggestions to scattered pages from Gordon Beck’s book. Robinson is naturally flawless himself: the marriage of intelligible density and thoughtful respect – both for the partner and the music – defines everything that is blown through his instruments, a belief in superior designs alimenting illusions of transcendence that sometimes materialize into tangible signs.
http://touchingextremes.wordpress.com/2011/11/10/jason-robinson-anthony-davis-%e2%80%93-cerulean-landscape/