Percorsi Musicali review by Ettore Garzia

CF 281Susana Santos Silva/Torbjorn Zetterberg – Almost Tomorrow (CF 281)
A mia memoria nel jazz i dialoghi tra tromba e contrabbasso sono piuttosto rarefatti. Negli ultimi anni ricordo con piacere un episodio discografico tra Joelle Leandre e Jean Luc Cappozzo. Oggi ve ne segnalo un’altro, che mi ha affascinato molto: si tratta della trombettista portoghese Susana Santos Silva e del contrabbassista svedese Torbjorn Zetterberg. La loro collaborazione è in qualche modo un punto di sviluppo del loro lavoro che quindi necessita di qualche notizia pregressa sui due musicisti.

Sulla scia della rivalutazione d’interesse del jazz portoghese* si colloca l’esordio di Susana Santos Silva, una giovane musicista fuoriuscita dall’esperienza di una big band portoghese (OJM), che in quintetto nel 2011 pubblica “Devil’s dress”: un disco apparentemente kitsch dalla copertina che invece la presentava seriamente alla comunità dell’improvvisazione con tutte le credenziali tecniche a posto. In quel cd, nonostante venga ricalcata la cifra stilistica di gran parte del mainstream jazz odierno, salta evidente la padronanza dello strumento e la creatività della musicista. Dopo quell’episodio, Susana, intelligentemente comincia però ad allargare il raggio d’azione, collaborando sempre con suoi connazionali nei progetti dei Lama (un trio recentemente apertosi all’inserimento estemporaneo del sassofonista/clarinettista Chris Speed) e dei SSS-Q, un duo con il batterista Jorge Queijo: il free jazz autentico si fa prepotentemente strada e soprattutto si apre alla bellezza dei suoni in risonanza acustica.

Torbjorn Zetterberg, dal canto suo, non ha bisogno di grandi presentazioni: in queste pagine è stato più volte citato come uno dei migliori contrabbassisti della scena svedese soprattutto in relazione alla capacità di esplorazione interattiva dello strumento (vedi per tutte il gran lavoro di supporto svolto nel trio di “Soulstorm” con Ivo Perelman).

Il nuovo lavoro dei due musicisti, “Almost Tomorrow”, è quasi una rivelazione se rapportato a quello che è stato fatto dai due fino ad oggi. Ottimamente registrato, proietta i due musicisti nella sperimentazione empatica allo scopo di regalare la vera voce dei due strumenti utilizzati: evitando senza problemi il cerebralismo che potrebbe essere insito in questo tipo di operazioni, i due forniscono una prova di maturità maiuscola con la Santos Silva che impone un proprio stile, che ha solo un riferimento di partenza in Wadada Leo Smith, ma che poi viene totalmente bilanciato dall’esplorazione ricorrente ed ipnotica che deriva dall’utilizzo della tecnica estensiva (vedi le combinazioni che simulano macchine di Feet Machine Song e Head distortion machine).

Quello della Santos Silva è uno stile composito, che lavora sulla variabilità delle tonalità di emissione della tromba in modo da ricavare discorsività, stranezza e liricità al tempo stesso: una tromba cangiante, quasi parlante (senti Action Jan-Olov) e gradevolissima che si staglia nell’universo stantio di Zetterberg che da parte sua tiene il contrabbasso in una costante e vitale posizione di risposta al dialogo grazie all’uso a strappo delle corde (Knight of Storvalen). Qui il suo contrabbasso riesce a caratterizzare (ancora meglio rispetto a Queijo) le simbiosi dinamiche esistenti in un duo.

“Almost tomorrow”, programmatico sin dal titolo, è quindi operazione varia in cui i suoni di tromba e contrabbasso rivendicano la loro proprietà, la loro genuinità, dove si deve sottolineare la diversità delle impostazioni percorse dai due musicisti rispetto agli improvvisatori americani nello stesso strumento (Santos Silva suona sicuramente diversa dalle evoluzioni estese di Wooley o Evans, così come Zetterberg è lontano da quelle di Dresser, Bisio o Morris). Qui navighiamo in concetti improvvisativi che sono molto vicini allo status di arte (le sensazioni di Colombus Arrival in Harjedalen).
http://ettoregarzia.blogspot.it/2013/11/susana-santos-silva-torbjorn-zetterberg.html

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s